Prospettiva dei prezzi in dollari neozelandesi: livelli NZD / USD e AUD / NZD prima di RBNZ

Il problema principale dell’Australia è che il dollaro neozelandese è recentemente salito al di sopra del dollaro australiano. Il problema sta nel fatto che un tasso di cambio instabile alla fine scatenerà un declino economico.

Ciò può avvenire sotto forma di rivalutazione della valuta; in cui l’euro aumenta rispetto al dollaro USA. È probabile che il tasso di cambio EURUSD salga dal livello attuale a poco più di 70 dollari USA. Il prezzo dell’euro è di circa 1,19 e il dollaro USD è attualmente di circa 1,22.

È importante ricordare che il dollaro neozelandese ha un potenziale di rialzo maggiore rispetto a un dollaro alla pari, sebbene possa essere marginalmente più volatile. Un dollaro neozelandese di circa 70 dollari significherà che l’AUD è più stabile, mentre un dollaro alla parità è molto più volatile.

Sebbene l’AUD sia più stabile e rifletta le tendenze valutarie globali, un tasso variabile significa che non riflette necessariamente lo stato del tasso di cambio effettivo della valuta in questione. L’AUD è concepito per fungere da prezzo di riferimento internazionale utilizzato dalla RBNZ per i calcoli della politica monetaria e del tasso di cambio.

Di conseguenza, le fluttuazioni nella valuta sono inevitabili e possono verificarsi contro un numero qualsiasi di valute, in particolare in condizioni economiche difficili. Se un paese ha un tasso fisso, diventa un obiettivo facile per gli speculatori di valuta che possono tentare di ottenere guadagni. Data la stessa valuta, un tasso di cambio sempre più basso può comportare guadagni o perdite significativi per l’investitore.

L’unica risposta sarebbe se la banca centrale rivalutasse la valuta. La banca centrale australiana ha recentemente alzato i tassi di interesse per rilanciare l’economia e realizzare una politica monetaria più rigorosa, e si ipotizza che altre banche centrali possano seguire l’esempio.

In tal caso, è probabile che la situazione sia la stessa di quella dell’euro, poiché il tasso di cambio sarà determinato dalle prospettive economiche nel paese interessato. Se l’economia è più forte, il tasso di cambio apprezzerà. Se è più debole, il tasso di cambio si deprezzerà.

È probabile che l’euro cadrà e la banca centrale ha indicato che dovrebbero farlo prima o poi. La caduta dell’euro nei confronti dell’USD avrà un effetto a catena e molto probabilmente porterà a un deprezzamento del dollaro australiano.

Questo è stato a lungo predetto dagli analisti valutari, in particolare con l’inizio della Grande recessione, ma la data esatta in cui il tasso di cambio inizierà a scendere è in qualche modo poco chiara. È noto tuttavia che più un paese è vulnerabile alla caduta del dollaro, maggiore è il potenziale di declino della valuta.

Una cosa che l’Australia sta facendo è che l’AUD probabilmente rimarrà una delle opzioni valutarie più popolari ed economiche del mondo. I paesi dell’UE si trovano ad affrontare difficoltà e le possibilità di perdere il controllo delle loro economie sono molto alte.

Nonostante ciò, l’Australia è ancora nota per avere bassi tassi di interesse e tassi di cambio molto flessibili. Se il governo rivaluta la valuta, potrebbe vedere la sua popolarità salire nei prossimi anni.

RELATED POST

Intervallo di facce USD / CAD Condizioni vincolate in seguito a riduzione del tasso di emergenza BoC

Il dollaro canadese, o USD / CAD, è soggetto a condizioni limitate a seguito della decisione della Bank of Canada…

Il dollaro USA potrebbe cadere se S&P 500 aumenta con le scommesse corte, USD / CAD supporto per gli occhi

Il Dollaro USA può cadere se l'S & P 500 sale e gli operatori a breve termine sulle scommesse a…

Sterlina britannica (GBP) Più recente: la debolezza di Sterling e FTSE è destinata a persistere

Il Primo Ministro del Regno Unito, David Cameron, ha avvertito gli investitori che un'ulteriore debolezza della GBP avrebbe probabilmente innescato…

Le previsioni di Dow Jones per lo yen giapponese si trasformeranno in una bufala di stimolo fiscale

Il dollaro USA e lo yen giapponese, nonostante i periodi difficili, non sono morti all'arrivo, nonostante le promesse del presidente…